Regioni ed enti locali hanno dato il via libera alle nuove linee guida per il ritorno a scuola da settembre. Si torna in classe il 14 settembre. La didattica a distanza resterà solo per le superiori. Nella bozza del piano l’obbligo di distanza di un metro tra gli alunni. Previste Conferenze dei servizi con i presidi, per raccogliere le istante su spazi, arredi, edilizia e individuare soluzioni. Nel corso della conferenza stampa con il premier Conte, la ministra per la Scuola, Lucia Azzolina, ha annunciato l’aumento degli stipendi dei docenti. “A luglio gli stipendi degli insegnanti aumenterà, dagli 80 ai 100 euro, perché se lo meritano, i loro stipendi sono i più bassi d’Europa”. Ciò sarà possibile con il taglio del cuneo fiscale, ha spiegato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scuola, linee guida approvate: in aula il 14 settembre. Conte: “In arrivo 1 miliardo in più. Poi fondi Recovery”. Azzolina: “Distanze di un metro in classe e 15% studenti fuori”

next
Articolo Successivo

Scuola, le linee guida non piacciono ai sindacati: “Un passo avanti ma non basta”. I presidi: “Volevamo più chiarezza ed è arrivata”

next