Dalla Calabria all’Alto Adige. È su questo asse che si innesta l’operazione antimafia della Polizia di Stato di Trento, denominata ‘Freeland’. Gli agenti hanno arrestato 20 persone appartenenti, secondo la procura, a una locale di ‘ndrangheta da anni operante a Bolzano: autonoma, ma legata alla ‘ndrina Italiano-Papalia di Delianuova, ai Barbaro-Papalia di Plati e ai Alvaro-Macrì-Violi di Sinopoli, in provincia di Reggio Calabria. Gli arrestati, che si trovano al momento in custodia cautelare in carcere, sono accusati di associazione mafiosa, estorsione, sequestro di persona, illecita vendita di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi; ma anche bancarotta fraudolenta, contraffazione di documenti e favoreggiamento.

Dall’indagine, coordinata dal sostituto procuratore Davide Ognibene, è emersa la presenza sul territorio regionale, e in particolare a Bolzano, di una ‘ndrina collegata direttamente, secondo gli inquirenti, alle principali cosche calabresi: a capo Francesco Perre, oggi residente a Platì ma negli anni ’90 ritenuto di fatto il fondatore del nucleo altoatesino dopo essersi trasferito da Volpiano, e Mario Sergi, 60 anni, residente a Bolzano, titolare di un’impresa edile, e ritenuto oggi il vero capo dell’organizzazione locale dopo che ha ereditato il comando direttamente da Perre.

La cosca, secondo gli inquirenti, si riuniva nel bar gestito dalla compagna di Sergi, il Coffee Break di via Resia – che è ora sotto sequestro -, luogo in cui venivano gestiti i vari traffici e dove si decidevano strategie e azioni illecite. L’attività principale era il traffico di droga, in particolare cocaina: l’accusa ritiene che ogni mese dalla Calabria venissero immessi sul mercato locale circa 4-5 chili di cocaina e poi la ‘ndrina versava direttamente il denaro in Calabria alle cosche. La locale di ndrangheta di Bolzano era in contatto anche con soggetti rom, alcuni dei quali erano stati registrati anche come lavoranti nella ditta di costruzioni per garantirgli i benefici alternativi alla detenzione. Oltre ad essere accusato di associazione mafiosa, traffico di droga e detenzione illegale di armi, Sergi deve rispondere anche di bancarotta fraudolenta perché, secondo la Procura, si è appropriato indebitamente del denaro della ditta di costruzioni di cui era amministratore, dichiarata fallita dal Tribunale di Bolzano.

Giustizia di Fatto - Ottieni i i dossier e le informazioni più importanti per essere sempre informato su tutto ciò che avviene nell'ambito della Giustizia

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, operazione anticamorra: 59 misure cautelari. Arrestati anche i tre fratelli del senatore di FI Luigi Cesaro. Per cui c’è richiesta di arresto

next
Articolo Successivo

Calabria, “infiltrazione mafiosa” in tre società. Tredici indagati: anche assessora regionale Catalfamo. Nel mirino dei pm la maggioranza del centrosinistra al comune di Reggio. “Favori in cambio di assunzioni”

next