Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Priscilla Dindo

La paura, si sa, altera e offusca il punto di vista critico e razionale con cui si dovrebbero guardare gli eventi in corso di svolgimento. In Italia il bombardamento mediatico sull’emergenza Coronavirus da settimane si concentra su ipotesi di scenari apocalittici prevedendo centinaia di migliaia di morti in caso si esca dalla porta di casa troppo presto, creando un clima di ansie e timori, forse eccessivi.

Adesso siamo nella Fase 2, quella delle riaperture controllate, il peggio sarebbe quindi alle spalle; abbiamo imparato che si deve convivere con il virus e come farlo, attraverso il comportamento responsabile di ognuno di noi e il controllo sul territorio. Ma soprattutto abbiamo imparato quali errori sono da evitare, o almeno così si spera, al fine di impedire che si ripeta il caos di inizio epidemia.

In ogni caso adesso non ha molto senso guardare al futuro: troppe incognite lo impediscono, ma ritengo che sia doveroso fermarsi un momento ad analizzare quanto sta succedendo con un approccio il più critico e razionale possibile. Siamo di fronte a un virus la cui mortalità è molto bassa (i numeri della Corea del Sud, dove hanno effettuato tamponi a tappeto nella popolazione, lo confermano) che colpisce soprattutto anziani e persone con patologie pregresse.

Se si guarda ad altre patologie il confronto è impietoso: circa 220mila persone muoiono all’anno in Italia a causa di malattie cardio circolatorie e circa 180mila a causa di tumore. Malattie che in questo periodo sembrano scomparse, ma purtroppo non lo sono (a riguardo sarebbe interessante sapere quante persone sono morte in questi mesi perché non hanno potuto essere curate negli ospedali).

Da anni ormai si sa che entrambe le patologie hanno un’incidenza maggiore nelle zone dove l’inquinamento di acqua, terra e aria è più marcata. Si sa anche che gli effetti dell’inquinamento colpiscono soprattutto i più piccoli, aumentandone l’incidenza di tumori, per quella che il rapporto Sentieri dell’Istituto Superiore di Sanità ha definito l'”emergenza cancro” tra i più giovani.

Ma l’inquinamento siamo noi, sono i nostri gesti quotidiani che contribuiscono al suo incremento, e il lockdown che stiamo vivendo a causa del Coronavirus lo ha messo in evidenza in maniera definitiva: tolto l’uomo dall’ambiente, fiumi, aria, laghi, mari sono diventati puliti. Mai come adesso è stato evidente quanto sia devastante l’impatto antropico sull’ambiente, mai come adesso abbiamo avuto tutti una grande opportunità per capire, cambiare e non tornare più quelli di prima.

Ma non sarà così, se possibile torneremo peggio di prima: accecati dalla paura del Coronavirus ci muoveremo di più in macchina per evitare il contagio sui mezzi pubblici, aumenteremo il degrado ambientale gettando ovunque migliaia di mascherine usa e getta, come sta già succedendo, e allora saremo al paradosso: la paura di un virus debolmente mortale ci farà assumere dei comportamenti che andranno ad aggravare drammaticamente un fenomeno che già incide pesantemente sulla nostra salute, ma di cui sembra ci siamo dimenticati.

E allora dobbiamo velocemente ricordarci che è dell’inquinamento e del riscaldamento globale che dobbiamo avere paura, perché è inutile tutelare oggi i nostri figli da un virus se poi ogni nostro gesto quotidiano contribuisce a privarli del futuro. Greta Thunberg sembra così lontana…

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, uno shock per l’energia: ora bisogna puntare su efficienza e sostenibilità

next
Articolo Successivo

Emergenza caldo: bisogna prepararsi fin da ora o l’impatto sarà pesante

next