Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Paola Picollo

“Maestra, ti voglio bene”. “Mi mancate tutti moltissimo”. “Quando torniamo in classe a fare i calcoli difficilissimi?”. “A me piace stare a casa con mamma e papà ma preferisco quando stiamo tutti insieme a scuola”.

Questi, e molti altri, sono i messaggi che ricevo dai miei studenti in questo lungo periodo di chiusura delle scuole e di forzato isolamento. Messaggi che confortano ma anche messaggi inaspettati, sorprendenti. Anche i più svogliati, quelli che si alzavano con grande fatica tutte le mattine per arrivare puntuali a scuola e che vivevano l’impegno dello studio e dei compiti a casa come un carico insopportabile, dopo il primo “entusiasmo” per i giorni di vacanza inaspettatamente guadagnati, iniziano ad avvertire l’incredibile mancanza della scuola nella loro vita quotidiana.

Si scopre così che la scuola – negli ultimi anni sempre più bistrattata, derisa e criticata – è ancora un punto di riferimento sociale molto importante nelle vite dei nostri ragazzi. Come tutte le cose belle, ne capisci il valore solo quando le perdi. Manca la rassicurante certezza delle sue mura, l’energia delle menti e dei corpi giovani e in salute che riempiono i suoi spazi, la condivisione di intere giornate, adesso lunghe, noiose e vuote.

I miei alunni vogliono i compiti, vogliono studiare, vogliono tornare in classe. Noi insegnanti, con un enorme sforzo ed impegno, cerchiamo di far sentire loro la nostra vicinanza in modi diversi, ma nessuno di questi è davvero in grado di sostituire il calore della presenza fisica, la sorpresa del riscoprirsi e ritrovarsi insieme ogni giorno.

Il virtuale non può sostituirsi ancora al reale. Per fortuna. Tra le molte cose che possiamo imparare da questo periodo difficile per tutti noi c’è anche questo.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Coronavirus, le lezioni si fanno online: da Classroom a WeSchool, ecco come si usano le piattaforme per la didattica a distanza

next
Articolo Successivo

Coronavirus, ormai con le lezioni online siamo avanti: nessuno si azzardi a parlarmi male della gioventù

next