Dopo le minacce lanciate al governo su giustizia, riforme e reddito di cittadinanza nel salotto televisivo di Porta a Porta, Matteo Renzi ha rilanciato in Senato la sua battaglia di logoramento, per poi chiedere un incontro a Giuseppe Conte. “Credo che la cosa più pulita sia vedersi la prossima settimana. Le telenovelas funzionano quando poi c’è un elemento di chiarezza. Serve una forma di trasparente chiarezza. Ho chiesto a Conte di vederlo la prossima settimana, se lo riterrà utile”, ha dettoil senatore e leader di Italia viva, durante la conferenza stampa a Palazzo Madama sul ‘Piano shock’ per le infrastrutture, con esponenti del gruppo Iv-Psi. Una risposta al presidente del Consiglio che, come avevano fatto filtrare da Palazzo Chigi, aveva preferito non commentare gli attacchi di Renzi, per sottolineare di voler rendere note soltanto nei prossimi giorni le sue considerazioni. “Toglieremo la fiducia se Conte non accetterà di cancellare il reddito? C’è una discussione, vedremo quale sarà la risposta”, ha preso tempo ancora una volta la capogruppo alla Camera, Maria Elena Boschi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piemonte, 3° inciampo ‘nero’ nelle nomine della Regione in società pubbliche. Pd, Leu e M5s: “Rimozione o è connivenza neofascista”

next
Articolo Successivo

Le Sardine ci ricordano che votare solo ‘contro’ è una deriva senza fine

next