“Abbiate fiducia cittadini, lavoreremo nell’interesse di tutti. Non preoccupatevi”. Nella scena che rimanda a Il padrino, nei panni di un boss mafioso, c’è il presidente (espresso dal centrosinistra) della provincia di Barletta-Andria-Trani e sindaco di Margherita di Savoia, l’avvocato Bernardo Lodispoto. Lo spot è stato girato con la finalità – legittima – di promuovere il proprio comune in vista della festa di Capodanno. Ma le modalità con cui è stato realizzato hanno provocato forti prese di posizione. Prima tra tutte, quella del gruppo di Fratelli d’Italia, che annuncia un’interrogazione parlamentare per chiedere alla ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, di sanzionare il primo cittadino. “Vorremmo dirgli che la mafia non è uno scherzo e che quello spot, oltre a essere di pessimo gusto, rappresenta un messaggio pericolosissimo per la sua comunità” dicono il vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli, e il deputato Marcello Gemmato.

La festa, peraltro, è stata organizzata in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa, il prefetto ucciso a Palermo da Cosa Nostra nel 1982 insieme alla moglie e all’agente della scorta Domenico Russo. “Se penso che quella targa l’ho inaugurata io. Un dolore e una vergogna inaccettabili” sono le parole della figlia, Rita Dalla Chiesa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s, il documento dei senatori Di Nicola, Dessì, Crucioli: via il capo politico e Rousseau non più gestita da Casaleggio – Testo integrale

next
Articolo Successivo

Prescrizione, Verini (Pd): “Bonafede deve tener conto delle nostre proposte, i suoi diktat sono inaccettabili. Non è governo monocolore M5s”

next