Rimane qualcosa nella memoria del flusso continuo delle notizie? Per verificarlo, abbiamo riproposto ai cittadini in strada questa domanda: qual è la notizia più importante dell’anno che volge al termine? In ambito nazionale, le risposte più frequenti sono state: la caduta del governo Conte 1 e il varo del governo Conte 2, il trionfo di Salvini alle elezioni europee, la nascita del movimento delle Sardine, il dramma dell’Ilva. A livello internazionale, molti ricordano: le lotte contro il climate change di Greta e del movimento Fridays for Future, le grandi manifestazioni a Hong Kong, la questione dei dazi Usa-Cina, il varo della nuova commissione UE. Hanno colpito molto anche le morti di Andrea Camilleri e di Nadia Toffa, come pure, tra i fatti di cronaca, il caso Bortuzzo e la condanna in primo grado dei carabinieri nel processo Cucchi.

E per voi, quali sono le principali notizie del 2019?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Varese, adolescente fa arrestare il padre che picchia da anni la moglie. “Violenze e minacce anche contro le figlie”

next
Articolo Successivo

No Tav, Nicoletta Dosio è una primavera che non si può fermare

next