Cosa rimane del flusso costante delle news? Quali sono i fatti di rilievo pubblico davvero memorabili? Per verificarlo abbiamo posto ai cittadini in strada questa domanda: qual è la notizia più importante del 2018? Le risposte più frequenti sono state: il crollo del ponte Morandi, l’esito delle elezioni del 4 marzo e il travagliato varo del governo Conte, la guerra dei dazi fra USA e Cina, la morte di Marchionne, il caos della Brexit, l’approvazione della legge Spazzacorrotti e del decreto Sicurezza, il trasferimento di Ronaldo alla Juventus e i mondiali di calcio senza l’Italia, le proteste dei Gilet gialli in Francia, la strage di Strasburgo. Ma non manca qualche risposta spiazzante: “la vera notizia è che siamo vivi, di che altro dovremmo sorprenderci?”. E ancora: “c’è un eccesso di news, alla fine non si ricorda più nulla”. E voi che ne dite, qual è per voi la notizia dell’anno? Buon 2019 a tutti!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Capodanno, guida ai party più cafoni e più cari del mondo

prev
Articolo Successivo

Riparte il futuro, storia di Sara e della sua lotta per una ricostruzione trasparente e partecipata a L’Aquila

next