Una dedica a “tutti quelli che stanno al 41bis per una presta libertà e con la speranza che possano tornare dalle proprie famiglie”. Niko Pandetta, cantante neomelodico nipote del boss ergastolano Salvatore Pillera e pregiudicato, ha pronunciato queste parole in strada a Fasciano, in provincia di Salerno, mentre intonava le sue canzoni. La denuncia arriva dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli, che a giugno era stato minacciato dallo stesso Pandetta. “A Fisciano (Salerno) si è consumata una vigilia di Natale all’insegna della camorra – ha scritto Borrelli, che ha pubblicato anche un video dell’esibizione -. Il cantante neomelodico Niko Pandetta ha tenuto un concerto all’esterno di un esercizio commerciale. Durante il suo pessimo show ha fatto una dedica con tanto di canzone struggente che racconta la vita del ‘povero’ detenuto. È assurdo che le autorità non fermino questi spettacoli di indecenza e inciviltà, che vanno contro la legge e che inneggiano a schierarsi contro lo Stato”.

“Chi è al carcere duro – ha sottolineato in una nota l’esponente verde – merita di non passare il Natale con la propria famiglia. Per chi si è macchiato di crimini così gravi ed efferati non riesco a muovere alcuna compassione. I camorristi devono stare in carcere, senza sconti, perché nel compiere le loro nefandezze non si sono fatti alcuno scrupolo, e così la legge non deve farsi scrupoli con loro, applicandola nella maniera più rigida possibile”. “Napoli – conclude l’esponente verde – non è Niko Pandetta e Niko Pandetta non è Napoli questi sono i personaggi che fanno più male alla nostra terra, tentando di normalizzare la camorra elogiandola nei testi delle proprie canzoni. Questa è camorra, così com’è camorra quella di chi spaccia, ruba, ammazza. Questi personaggi vanno cancellati”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Successivo

AirBnb, tra gli annunci della piattaforma spunta il “mafia-tour” per conoscere la camorra: è polemica sui social

next