Questa canzone è per tutti quelli stanno al 41-bis, per una presta libertà e con la speranza che possano tornare dalle loro famiglie”. La dedica da brividi ai boss della mafia è del cantante neomelodico Niko Pandetta, che si è esibito a Fisciano (Salerno), fuori da un esercizio commerciale. Nel brano, racconta la storia di un detenuto e si rivolge a “zio Turi”, a cui dice “grazie per quello che fai per me. Sei una scuola di vita. A causa dei pentiti ora sei in carcere al 41-bis

Zio Turi non è altri che Salvatore Cappello, uno dei boss più potenti e spietati della mafia catanese. Tra i responsabili di una sanguinosa faida a cavallo degli anni Ottanta-Novanta, Cappello sancì un’alleanza tra criminalità organizzata siciliana e ‘ndrangheta. In più, aveva legami e contatti con la camorra, tanto che nel 1992 venne arrestato a Napoli poco prima che incontrasse il boss Carmine Alfieri. Ora “zio Turi” sta scontando l’ergastolo.

Il consigliere dei Verdi in Campania, Francesco Emilio Borrelli, ha denunciato quanto accaduto a Fisciano: “È assurdo che le autorità non fermino questi spettacoli di indecenza e inciviltà, che vanno contro la legge e che inneggiano a schierarsi contro lo Stato. Chi è al carcere duro merita di non passare il Natale con la propria famiglia. Per chi si è macchiato di crimini così gravi ed efferati non riesco a muovere alcuna compassione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, a fuoco palazzo in centro: in pericolo di vita il maître del ristorante stellato “Del Cambio”

next
Articolo Successivo

Roma, in centinaia ai funerali di Gaia e Camilla. L’omelia del parroco: “Ci riscopriamo tutti palloni gonfiati”

next