La riforma della prescrizione, come annunciato al termine del vertice della maggioranza ieri sera, entrerà in vigore a gennaio. Per Carlo Calenda, leader di Azione, è “una riforma negativa, perché così la necessità di dare spazio alla magistratura di agire diventa la possibilità di tenere aperti i processi all’infinito”. A un incontro organizzato sul tema a Roma dal movimento dell’ex ministro era presente anche l’ex presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, oggi giudice della Corte di Cassazione: “Processi infiniti? È una preoccupazione concreta, il rischio di tempi lunghissimi c’è. Però uno dei meriti di questa riforma, assieme a tanti altri demeriti, è che per la prima volta provato ad affrontare il problema”. Ma Cantone aggiunge: “Noi abbiamo fatto una riforma di una riforma (quella a firma dell’ex ministro guardasigilli Andrea Orlando, ndr) che non è mai entrata in vigore. Un paradosso”. La soluzione ora per Cantone è quella di “prevedere dei tempi entro i quali i singoli gradi di giudizio debbano chiudersi”. Ma basterà una norma di questo tipo? “Certo che no – afferma l’ex capo dell’Anac – C’è un problema di organizzazione degli uffici, quindi anche una diversa organizzazione del lavoro potrebbe incidere sui numeri della prescrizione. Ma il vero problema generale è il sovraccarico della giustizia e questo lo si potrebbe affrontare con l’investimento di maggiori energie e risorse, ridurre il carico giudiziario attraverso ulteriori depenalizzazioni, c’è bisogno di sveltire il processo migliorando il sistema delle notifiche e delle impugnazioni. Con tutte queste riforme, la riforma della prescrizione poteva avere un senso, così il rischio vero è quello di creare più problemi di quanti ne risolve”. E Calenda propone: “Sulla prescrizione si deve tornare alla riforma Orlando e per garantire tempi ragionevoli per la durata dei processi una norma specifica non serve a niente e lo sanno anche Pd e Italia Viva che la propongono. Bisogna investire risorse nei tribunali, anche facendo lavorare i magistrati di più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casamonica, condanne fino a 9 anni con rito abbreviato per 14 appartenenti al clan. Riconosciuta aggravante del metodo mafioso

next
Articolo Successivo

Abusi sessuali, ex suora condannata a 3 anni e mezzo: andrà in carcere. Violentò una ragazza conosciuta in oratorio che si suicidò nel 2011

next