“La gravità dei reati commessi da Brusca e la caratura criminale che lo stesso ha dimostrato nella sua vita di possedere” portano “a considerare non ancora acquisita la prova certa e definitiva del suo ravvedimento“. Sono queste le motivazioni con cui la prima sezione penale della Cassazione ha respinto con la sentenza dello scorso 7 ottobre la richiesta di domiciliari al collaboratore di giustizia Giovanni Brusca, che sconta a Rebibbia 30 anni di carcere, con fine pena nel 2022, per la strage di Capaci e l’omicidio di Giuseppe Di Matteo, il 12enne sciolto nell’acido. Per la concessione dei domiciliari, spiega la Cassazione, è necessario un “compiuto ravvedimento” e il “pentimento civile” va approfondito e verificato nel tempo.

Dna e Dda di Palermo avevano espresso parere favorevole e gli operatori gli riconoscono un percorso di revisione critica. Brusca inoltre ha già usufruito di 80 permessi premio: elementi, assieme al suo “apporto collaborativo molto rilevante”, valutati positivamente dal tribunale di sorveglianza di Roma, che però nel marzo scorso ha respinto l’istanza – sottolineando che “non ha ancora percorso davvero il cammino dell’emenda nei confronti delle vittime, del riscatto morale nei riguardo dei familiari”, trovando così d’accordo la Suprema Corte.

Secondo la Cassazione, il tribunale di sorveglianza ha correttamente dedotto l’insussistenza della prova di “un effettivo compiuto ravvedimento”, un percorso “attualmente solo intrapreso”. Ha compiuto una interpretazione conforme alla giurisprudenza dove sostiene che “lo sforzo di Brusca nel manifestare il suo pentimento civile e il suo intento di riconciliazione nei confronti delle famiglie delle vittime e della società tutta vadano approfonditi e verificati nel corso del tempo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prescrizione, niente rinvii: riforma in vigore da gennaio. Bonafede: “Al lavoro per ridurre i tempi dei processi”. Intesa su intercettazioni

next
Articolo Successivo

Femminicidio, nuova vittima in Romagna. Quel ‘dominio’ che nega i diritti alle donne

next