Massimiliano Colombo Labriola e Francesco Di Sano, due tra gli otto carabinieri imputati a vario titolo di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia nel processo depistaggi relativo al caso Stefano Cucchi, hanno chiesto di costituirsi parte civile contro i diretti superiori, ovvero Luciano Soligo e Francesco Cavallo. “Labriola? Solo un passacarte. Di fatto è stato esautorato, gli ordini partirono dall’alto. Non vide mai Cucchi”, ha precisato a margine dell’udienza Giorgio Carta, il legale dei due carabinieri, in merito alle modifiche alle annotazioni di servizio relative alle condizioni di salute dello stesso Cucchi. Dalla famiglia Cucchi, invece, a commentare è il legale Fabio Anselmo: “È un processo tutti contro tutti, è partito lo scarica barile e la corsa verso la prescrizione. Sarà un processo lungo e complicato. E ci vogliono pure fuori dal processo, perché dicono che non abbiamo subito danni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby ter, Battilana e le serate di Arcore: “Berlusconi? Si faceva mettere il sedere in faccia dalle ragazze. Pensavo fosse un sosia”

next
Articolo Successivo

Milano, saluto romano al corteo per Ramelli: chiesto processo per 28. Fra loro il presidente di Casapound e l’editore del libro di Salvini

next