Massimiliano Colombo Labriola e Francesco Di Sano, due tra gli otto carabinieri imputati a vario titolo di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia nel processo depistaggi relativo al caso Stefano Cucchi, hanno chiesto di costituirsi parte civile contro i diretti superiori, ovvero Luciano Soligo e Francesco Cavallo. “Labriola? Solo un passacarte. Di fatto è stato esautorato, gli ordini partirono dall’alto. Non vide mai Cucchi”, ha precisato a margine dell’udienza Giorgio Carta, il legale dei due carabinieri, in merito alle modifiche alle annotazioni di servizio relative alle condizioni di salute dello stesso Cucchi. Dalla famiglia Cucchi, invece, a commentare è il legale Fabio Anselmo: “È un processo tutti contro tutti, è partito lo scarica barile e la corsa verso la prescrizione. Sarà un processo lungo e complicato. E ci vogliono pure fuori dal processo, perché dicono che non abbiamo subito danni”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ruby ter, Battilana e le serate di Arcore: “Berlusconi? Si faceva mettere il sedere in faccia dalle ragazze. Pensavo fosse un sosia”

next
Articolo Successivo

Milano, saluto romano al corteo per Ramelli: chiesto processo per 28. Fra loro il presidente di Casapound e l’editore del libro di Salvini

next