“Comincia il processo ai responsabili di anni di processi a vuoto. Per noi ha un valore enorme. Mentre questa famiglia, vittima di questa vicenda, soffriva e spendeva ogni energia, da un istante dopo la morte di Stefano c’era qualcuno, i generali oggi sul banco degli imputati, che già sapevano tutto. Ma invece di stare al nostro fianco, misero in atto terribili depistaggi, scrivendo a tavolino conclusioni medico legali sulla morte che condizionarono tutti quei processi”. A rivendicarlo Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, a margine dell’udienza per il processo sui depistaggi, a Roma. Imputati sono il generale Alessandro Casarsa all’epoca dei fatti comandante del Gruppo Roma, insieme ad altri 7 carabinieri, tra i quali Lorenzo Sabatino, che ai tempi ricopriva il ruolo di comandante del reparto operativo dei carabinieri di Roma. Le accuse verso gli otto carabinieri variano, in base alle posizioni singole, dal falso al favoreggiamento, fino a omessa denuncia e calunnia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi parla di garantismo, ma a me sembra più una richiesta di impunità per i ricchi

next
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, due carabinieri imputati per il depistaggio chiedono di costituirsi parte civile: “Pure noi vittime, subìto ordini dei colleghi”

next