Ventisette persone, tra imprenditori, prestanome e consulenti economici, sono indagati dalla Procura distrettuale antimafia di Brescia nell’ambito di un’inchiesta parallela a quella di Reggio Calabria che nelle scorse settimane aveva portato all‘arresto di 45 persone legate al clan Bellocco, tra Calabria, Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna. Agli indagati viene contestata l’aggravante mafiosa “per aver favorito il clan mafioso”: secondo gli inquirenti, alcuni dei coinvolti avrebbero avuto rapporti diretti con i componenti del clan Bellocco, tra i più potenti della ‘ndrangheta.

Secondo quanto riferito da “Il Giornale di brescia“, le 27 persone finite sotto indagine si dividono tra chi si è messo al servizio dei Bellocco di Rosarno e chi invece ha “usufruito dei servizi mafiosi”: le accuse, a vario titolo, sono di estorsione, recupero crediti con atti di violenza ed intimidazione e reati legati al traffico di rifiuti. Nei giorni scorsi sono state disposte dalla Procura Bresciana perquisizioni domiciliari che hanno portato al sequestro di materiale ora al vaglio degli inquirenti.

Nel filone d’indagine condotto dalla Procura di Reggio Calabria sono stati ricostruiti gli interessi del clan anche fuori dalla Calabria: in Lombardia attraverso l’arrestato Antonio Loprete e nel territorio di Nettuno e Anzio dove c’era Francesco Corrao in attesa che il rampollo della cosca, Umberto Bellocco finisse di scontare una pena nella casa lavoro di Vasto. Ed è proprio Corrao che, in un’intercettazione ha esposto la necessità di una funzione “mutualistica” e “sociale” della ‘ndrangheta: “Ricordati – sono le sue parole ascoltate dalla guardia di finanza – che uno buono, la deve fare una cosa di queste. Deve fare stare bene in giro! Ricordati che il popolo… il popolo”.

Soprattutto nel litorale romano, secondo gli inquirenti c’era una sorta di delocalizzazione, un radicamento stabile della cosca. Secondo il procuratore Bombardieri, i Bellocco “avevano ormai internazionalizzato le loro attività criminali grazie ad una forte capacità di relazione con altre cosche di ‘ndrangheta, come i Morabito e i Mollica di Africo, con cui avevano posto solide basi nell’area platense, tra Buenos Aires e Montevideo, da dove coordinavano l’acquisto e la spedizione di quintali di cocaina verso l’Italia e l’Europa”.

“I Bellocco – ha aggiunto il magistrato – avevano da tempo individuato aree intorno a Roma, in Toscana, nella Lombardia e in Veneto per insediare loro referenti in grado non solo di introdurre nella capitale ingenti quantità di cocaina, ma di avvicinare imprenditori disposti ad operare nel settore della raccolta e del trattamento dei rifiuti solidi urbani a Rosarno”. Per il procuratore aggiunto Gaetano Paci, l’interessamento degli arrestati per la scarcerazione di Rocco Morabito “è sintomatico della forza e dell’affidabilità dei Bellocco”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

De Raho: “Mafie sparirebbero senza contante. In Italia non si vuole eliminare l’evasione, combatterla è uno strumento contro i clan”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta in Umbria, sistema economico infiltrato “in modo significativo”: 23 arresti e sequestri per 10 milioni

next