Scontro in commissione Bilancio a Montecitorio durante l’audizione di Lucio Barra Caracciolo, giurista ed ex sottosegretario agli Affari europei nel primo Governo Conte. “Siccome gran parte della relazione di Barra Caracciolo del testo della sua relazione viene da riflessioni che sono presenti sul suo blog” è la premessa del deputati dem Filippo Sensi, che chiede conto a Barra Caracciolo proprio delle riflessioni espresse sul suo blog. Alle risposte molto sintetiche ricevute, Sensi chiede ulteriori spiegazioni, ma a quel punto interviene il presidente della Commissione Claudio Borghi: “Se vuole interrogare Barra Caracciolo lo faccia al bar”. “Lei è il Presidente della Commissione e la pregherei di riconoscere le nostre prerogative di porre domande ed esigere risposte” ribatte Sensi. “Le sue domande non sono pertinenti – afferma Borghi – io non ho mai visto la pretesa di esigere risposte. Gli auditi vengono qua facendosi una cortesi. Forse questo non l’avete ancora capito. Lei si sta ponendo nei confronti dell’audito in commissione aggressivo” si scalda il presidente della Commissione. Al quale Sensi ribatte: “L’unico che sta facendo aggressione nei confronti di un commissario è lei presidente”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, fan di Salvini pregano per lui davanti al tribunale: “I cattolici sono discriminati. Sardine? Noi al massimo siamo salmoni controcorrente”

next
Articolo Successivo

Di Maio: “Cronoprogramma? A gennaio contratto di governo, mettiamo nero su bianco tempi e temi”

next