Sopravvissuti al naufragio del 23 novembre, adesso abbandonati nell’hotspot di Lampedusa che va a pezzi. Bagni paludosi con sanitari arrugginiti, materassi spogli in stanze piene di calcinacci e agli angoli i resti delle coperte termiche della notte dei soccorsi. “È una condizione disumana, c’è una convivenza promiscua con bimbi che dormono con uomini e donne, in una struttura in cui dovrebbero restare il minor tempo possibile”, dicono gli operatori dell’Asgi (Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione) che hanno veicolato alcuni filmati che mostrano lo stato di incuria nella struttura dovuta al sovraffollamento e alla mancanza di manutenzione.

Da mesi vanno avanti i lavori di ristrutturazione e la capienza è ridotta a 96 persone, nonostante ci siano stati picchi di 250 presenze. Adesso, dopo alcuni trasferimenti, all’interno sono circa 150. “Riferiscono di non avere neppure le lenzuola – dicono gli operatori -, solo coperte leggerissime e le condizioni igieniche dei locali sono pessime“. Entrare all’interno è praticamente impossibile e anche ai migranti “gli viene chiaramente risposto che l’uscita non è possibile ponendo in essere di fatto una privazione della libertà personale”, aggiungono dall’Asgi – nell’ambito del progetto In Limine – stanno analizzando il sistema degli hotspot, attraverso le testimonianze dei migranti transitati. “Abbiamo ritenuto fondamentale interpellare le autorità competenti – concludono gli operatori dell’Asgi – inviando segnalazioni all’Azienda sanitaria provinciale e alla Prefettura di Agrigento, affinché prendano tutte le misure necessarie”. Ma ancora nessuna risposta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, schiaffeggiava bambini di pochi mesi e li offendeva urlando “fai schifo, sei proprio un terrone”: sospesa maestra d’asilo nido

next
Articolo Successivo

Venezia, riemerge la storica edicola trascinata dall’alta marea: le immagini del recupero

next