“Noi complici degli scafisti? I veri complici sono i governi come quello italiano che pagano la Libia per tenersi le persone e per fare il lavoro sporco”. Al Memoriale della Shoah di Milano, Cecilia Strada e Luca Casarini della ong Mediterranea si sono confrontati con le scrittrici Caterina Bonvicini e Helena Janezcd su quello che sta accadendo nel Mediterraneo. Le due navi della ong, Jonio e Alex, sono ancora sotto sequestro amministrativo “vittime del decreto Salvini bis”, come denunciano gli attivisti che puntano il dito contro l’atteggiamento del governo giallo-rosso: “Proviamo preoccupazione quando sentiamo tornare nei discorsi del governo e nelle bozze di accordo la parola ‘pull factor’, ovvero che le ong siano fattore di attrazione. I numeri smentiscono questa credenza”. Mediterranea chiede dunque un cambio di passo da parte del governo: “L’impianto del decreto sicurezza bis è ancora in piedi e nessuno sembra avere fretta di toccarlo. Chiediamo a Conte di fare il presidente indipendente e di affermare qual è la sua idea di diritti umani. L’indifferenza istituzionale di fronte a una tragedia è vergognosa”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondo salva-Stati, Salvini contro Conte: “Mi querela? Sempre più arrogante. Ha coscienza sporca, beccato con le mani nella marmellata”

next
Articolo Successivo

Piacenza, duemila sardine in piazza Duomo: ‘Non è finita, ci saremo anche dopo le elezioni’

next