“La possibilità di abbassare l’Iva sui prodotti igienici sanitari femminili è una battaglia di civiltà che dobbiamo portare avanti. È una questione di costi complessivi sui quali ovviamente ci deve essere una convergenza ampia. Così il ministro alle Pari opportunità, Elena Bonetti, a margine dell’evento Open your mind al Parlamento europeo all’indomani della bocciatura, in commissione Finanza alla Camera, dell’emendamento promosso da Laura Boldrini che avrebbe esteso l’imposta sul valore aggiunto agevolata ai prodotti sanitari e igienici femminili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dl-Ministeri, il governo pone la fiducia alla Camera. Il testo aveva ricevuto l’ok al Senato

prev
Articolo Successivo

Venezia, Bettin (Verdi): “Sindaco Brugnaro? Dice chiacchiere sul ‘global warming’. Vuole solo più soldi per un’opera sbagliata come il Mose”

next