Una cinquantina di contestatori ha fischiato gli interventi di Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni, che hanno parlato di fronte al municipio di Carpi, città simbolo e un tempo roccaforte storica del Pci emiliano. In questi giorni, nella cittadina modenese si sta tenendo una fiera del cioccolato. E il loro striscione trae spunto proprio da questa coincidenza: “Non confondiamo il cioccolato con la merda”, con questa ultima parola scritta con vernice verde. Fischi, urla, scambi di offese, ma scontro solo verbale. Nessun tafferuglio. Tra chi stava dietro lo striscione, alcuni hanno al collo una sciarpa rossa, con su ricamata la scritta: “Carpi non si Lega. Bonaccini Presidente”. E tra loro anche due bandiere, una del vecchio Pci e una della Fgci, l’organizzazione giovanile del partito di Berlinguer.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex-Ilva, è andata in onda un’inchiesta su Taranto che ha scalfito la retorica contro governo e M5s

next
Articolo Successivo

Elezioni regionali 2020, Emilia-Romagna coraggiosa: ecco la lista di sinistra animata da Schlein ed Errani che appoggerà Bonaccini

next