Laureata in marketing alla Bocconi di Milano, ha iniziato a lavorare nell’editoria di moda, poi si è trasferita a Londra dove ha continuato a lavorare nel mondo dei magazine femminili: è stato lì che ha scoperto il mondo della consulenza d’immagine. Dopo aver seguito un corso ha deciso di mollare tutto e intraprendere questa professione. “È stata una scommessa, ma la passione e l’esperienza mi hanno aiutato – racconta -. Così, dopo aver lavorato per un periodo in Svizzera e in tutta Europa, sono tornata in Italia e ho fondato l’Italian Image Institute, il primo in Italia dedicato alla consulenza d’immagine, che offre corse di formazione per chi vuole intraprendere questa professione oltre a consulenze per i privati o per le aziende”. Perché – come scrive nel suo libro – “riscoprire i colori ci spinge a domandarci quando e perché abbiamo smesso di usarli, a rivedere la nostra storia e, talvolta, a iniziarne una nuova. Conoscere il linguaggio segreto dei colori può cambiarci la vita, rendendoci più sicuri, più belli e, di conseguenza, più felici“.

INDIETRO

“Vi spiego come personalizzare il guardaroba: per essere più belli basta il colore giusto”: la consulente d’immagine Rossella Migliaccio e i segreti delle star, da jLo a Chiara Ferragni

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano Fashion Week, la sfilata di Gucci interamente carbon neutral: viaggiatori nel tempo dall’aria vintage, in un ambiente clinico stile reparto psichiatrico

prev