Tra i vip invece, a seguire attentamente i criteri dell’armocromia ci sono “Kate Middleton e Jennifer Lopez. Loro sono le più brave in assoluto, sempre in palette. È evidente però che dietro i loro look ci sia un consulente d’immagine, soprattutto nel caso della Duchessa di Cambridge. Con lei, Meghan Markle non regge il confronto perché inevitabilmente la futura regina ha la precedenza, quindi alla moglie Harry il protocollo impone di stare un passo indietro anche nei look. Ecco spiegati quegli outfit molto morigerati e castigati a cui è stata costretta al suo ingresso nella Royal Family: Meghan essendo già più appariscente di suo, con un corpo più formoso e sexy, rischierebbe di mettere facilmente in ombra la cognata – osserva Rossella Migliaccio -. Ora che lei e Harry si stanno distaccando da Buckingham Palace però, la Markle ha riacquistato un po’ di libertà, riscoprendo il colore e trovando un giusto compromesso. Bocciate invece Nicole Kidman e Julia Roberts: la prima ha raffreddato troppo il colore dei capelli, aumentando troppo il contrasto; la seconda invece, si veste troppo di nero, colore che è fuori dalla sua palette di riferimento”.

INDIETRO

“Vi spiego come personalizzare il guardaroba: per essere più belli basta il colore giusto”: la consulente d’immagine Rossella Migliaccio e i segreti delle star, da jLo a Chiara Ferragni

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano Fashion Week, la sfilata di Gucci interamente carbon neutral: viaggiatori nel tempo dall’aria vintage, in un ambiente clinico stile reparto psichiatrico

prev