“La riforma della prescrizione entrerà in vigore il primo gennaio” ha affermato il ministro Alfonso Bonafede, al termine dell’audizione in commissione Giustizia alla Camera dei Deputati. La riforma venne approvata dal precedente governo ma il deputato di Forza Italia, Enrico Costa, ha presentato una proposta di legge per impedirne l’entrata in vigore. Proposta a cui si è aggiunta la firma di Riccardo Magi (+Europa), che ha spiegato: “È un grande inganno, perché in realtà i processi che si prescrivono prima che giungano al verdetto di primo grado sono pochi. Soprattutto, però, c’è una concezione vendicativa della giustizia, di una certezza della pena e non del diritto”.

Anche la Lega, che votò a favore della riforma, annuncia una proposta di legge identica a quella del forzista Costa: “È mostruosa” attaccano. Contrarietà, tuttavia, arriva dalla stessa maggioranza di governo, con Pd, LeU e Italia Viva. “Un punto di equilibrio sarebbe sospenderne l’entrata in vigore in attesa della riforma della giustizia” è l’idea di Federico Conte di Liberi e Uguali, membro della commissione Giustizia e responsabile per il settore del movimento. Per il vicecapogruppo alla Camera Michele Bordo “è necessario prevedere qualche norma di garanzia per evitare che la riforma approvata dal ministro Bonafede e che entrerà in vigore dal primo gennaio possa diventare un incentivo ad allungare esageratamente i tempi del processo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Truffa sanità, “anziani lasciati a 32 gradi” e “10 minori sottopeso”: così Blasoni tagliava i costi sulle sue residenze. Poi diceva: “Io sono Dio”

next
Articolo Successivo

Mondo di mezzo, l’articolo 416 bis ha colmato un vuoto normativo. Ora però non è più al passo coi tempi

next