Dopo la riconquista dei territori in mano allo Stato Islamico da parte della coalizione occidentale (che ha sostenuto l’avanzata curda da nord) e del blocco russo-sciita, fino a poche settimane fa la situazione vedeva regime di Damasco, Russia, Iran e Hezbollah impegnate sul fronte Idlib con l’obiettivo di ricostruire una Siria sotto il governo Assad.

La coalizione occidentale, con a capo Stati Uniti e Paesi della Nato, invece avrebbe voluto stabilizzare il Paese e indire elezioni democratiche nella speranza di detronizzare il dittatore siriano. Con la causa dell’autonomia curda che sarebbe dovuta finire al tavolo delle trattative dopo l’apporto fornito dalle milizie delle Ypg/Ypj nella riconquista di città fondamentali come Kobane, Raqqa e Baghuz.

Nel frattempo la Turchia, seconda potenza della Nato accusata di aver sostenuto l’Isis durante il conflitto permettendo il passaggio di foreign fighters, beni alimentari, armi e finanziamenti attraverso il confine turco-siriano, si è nel tempo avvicinata politicamente ed economicamente a Mosca, soprattutto dopo l’acquisto del sistema missilistico S-400. E il ritiro delle truppe americane le ha dato l’occasione di invadere il nord-est siriano in mano, appunto, ai curdi.

Adesso, con Ankara in contrasto con il blocco occidentale di cui, almeno sulla carta, fa ancora parte, e l’abbandono dei curdi al loro destino, la coalizione a guida Usa ha diminuito la propria presenza e il proprio peso nel Paese. Con il Free Syrian Army e quel fronte costituito da una nebulosa di gruppi estremisti che, dall’operazione che ha portato all’occupazione di Afrin, nel 2018, si è ormai schierato al fianco di Ankara.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siria, curdi e Turchia si accusano a vicenda di violare la tregua. Erdogan: “Se non se ne vanno, spacchiamo loro la testa”

next
Articolo Successivo

Svizzera, Gunvor condannata a pagare 85 milioni: “Non ha prevenuto il rischio corruzione nelle compravendite di petrolio”

next