Il principale timore, oltre all’aggravarsi della crisi umanitaria provocata dalle ostilità e l’aumento di perdite in termini di vite umane, soprattutto civili, è legato alla sorte dei circa 12mila combattenti dello Stato Islamico, tra cui circa 2.500 foreign fighter, detenuti nelle prigioni curde. Alcuni di loro sono riusciti a fuggire sfruttando il caos generato dai bombardamenti, mentre altri potrebbero essere liberati in seguito alle azioni condotte sia dalle cellule dormienti sparse nell’area che dalle milizie siriane filo-turche composte in parte da gruppi jihadisti in cui combattono anche ex miliziani di Daesh.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siria, curdi e Turchia si accusano a vicenda di violare la tregua. Erdogan: “Se non se ne vanno, spacchiamo loro la testa”

next
Articolo Successivo

Svizzera, Gunvor condannata a pagare 85 milioni: “Non ha prevenuto il rischio corruzione nelle compravendite di petrolio”

next