La Siria piomba nel caos nel 2011 quando, sull’onda delle primavere arabe in Medio Oriente e Nord Africa, anche l’allora quarantennale regime degli Assad è messo in discussione dalle rivolte della popolazione contro le sempre più evidenti diseguaglianze economiche, la crescente disoccupazione giovanile e, soprattutto, la repressione del regime ai danni degli oppositori politici con persecuzioni, incarcerazioni arbitrarie, torture e uccisioni.

Damasco reagisce con la repressione e le proteste si trasformano in guerra civile. Da una parte, appunto, il governo di Assad, alleato di Russia, Iran e Hezbollah. Dall’altra le diverse fazioni ribelli, appoggiate soprattutto dagli Stati del Golfo, con Arabia Saudita e Qatar in testa, oltre alla Turchia.

La più importante tra queste formazioni, nata anche grazie al denaro e alle armi fatte passare attraverso il territorio turco dall’intelligence americana, britannica e di Ankara, come dimostrato per prima dall’inchiesta di Seymour Hersh The Red Line and the Rat Line, è quella che ha preso presto il nome di Free Syrian Army. Tra le sue fila, gruppi ribelli di diverse estrazioni politiche, etniche e religiose, che però col tempo hanno mostrato una predominanza delle formazioni sunnite, anche radicali. Sono loro che oggi combattono al fianco dei turchi contro i curdi. E sono sempre loro che, nelle fasi iniziali della guerra civile, avevano ottenuto il supporto anche della coalizione occidentale a guida Usa.

Ma anche altre formazioni di matrice islamista hanno combattuto contro Assad. Una è l’ex Fronte al-Nusra, costola siriana di al-Qaeda dalla quale è poi nato, dopo la rottura tra il suo leader, Abu Muhammad al-Jawlani, e Abu Bakr al-Baghdadi, lo Stato Islamico che è riuscito a conquistare così tanto terreno tra Siria e Iraq da fondare il Califfato. Il gruppo di al-Jawlani è rimasto attivo e ha poi cambiato nome in Jabhat Fateh al-Sham, fino a fondersi in quello che oggi è Tharir al-Sham.

Ci sono poi i jihadisti del Fronte Islamico, gruppo ribelle di matrice islamista guidato dalla formazione Ahrar al-Sham. Infine, da registrare anche la presenza degli islamisti di Jaish al-Islam.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siria, curdi e Turchia si accusano a vicenda di violare la tregua. Erdogan: “Se non se ne vanno, spacchiamo loro la testa”

next
Articolo Successivo

Svizzera, Gunvor condannata a pagare 85 milioni: “Non ha prevenuto il rischio corruzione nelle compravendite di petrolio”

next