Mentre fino alla decisione americana di ritirare le truppe e quella turca di invadere il nord-est siriano la Russia guidava la coalizione filo-Assad, in contrapposizione a quella con in testa gli Usa, oggi Mosca ricopre un ruolo molto più importante nello scacchiere siriano. Con il parziale disimpegno americano, l’immobilismo europeo e l’avvicinamento di Erdoğan a Vladimir Putin, la Federazione si trova a essere l’unica potenza in grado di dialogare senza conflittualità con tutti gli attori in campo.

Può parlare, ovviamente, con i suoi alleati di Damasco e Teheran. Può farlo con i curdi che, nei giorni scorsi, hanno trattato sull’appoggio dell’esercito di Assad per frenare l’avanzata di Ankara. Può parlare anche con la Turchia, oggi fortemente criticata dagli alleati della Nato. A differenza degli Stati Uniti, oggi la Russia si candida a ruolo di mediatore, un vero e proprio king maker, in un ipotetico tavolo delle trattative. E nell’intero scacchiere mediorientale.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Siria, curdi e Turchia si accusano a vicenda di violare la tregua. Erdogan: “Se non se ne vanno, spacchiamo loro la testa”

next
Articolo Successivo

Svizzera, Gunvor condannata a pagare 85 milioni: “Non ha prevenuto il rischio corruzione nelle compravendite di petrolio”

next