“Se ci avviciniamo di più, ci sparano“. Siamo a Kobane, a meno di 500 metri dal muro che separa il Kurdistan siriano dalla Turchia. Con noi c’è Bahri Mohammad, costretto a fuggire all’inizio del 2018 dal cantone di Afrin, dove viveva, a causa dell‘invasione dell’esercito di Ankara e dei suoi alleati, i gruppi che compongono il Free Syrian Army. La famiglia di Mohammad, come quella di Zeinab Bakr, che conosceremo poco più tardi, ha vissuto sulla propria pelle i bombardamenti dell’aviazione turca e, successivamente, le violenze del FSA. “Quando la casa dei nostri vicini è saltata in aria, uccidendoli, siamo scappati”, ci racconta lui. “Gli aggressori si stavano avvicinando via terra. Non c’era più niente da fare“. I racconti delle due famiglie coincidono con i report di Amnesty International e di Human Rights Watch, che hanno denunciato i soprusi e i crimini commessi dai miliziani jihadisti armati e supportati da Recep Tayyip Erdoğan. Le stesse milizie che in queste ore, dopo aver raggiunto il confine nord del Rojava attraverso il territorio turco, sono pronte a sferrare l’attacco insieme all’esercito di Ankara. “A Kurka, un villaggio vicino al nostro, hanno messo una corda intorno al collo di un uomo e lo hanno strangolato trascinandolo con l’auto – ricorda la figlia, Maryam – Una ragazza, invece, è stata spogliata e fatta a pezzi. Poi hanno pubblicato le foto. Sono come l’Isis, non c’è differenza”. Dopo la caduta di Afrin, ora Ankara sta puntando al resto del Kurdistan siriano, con i bombardamenti e l’invasione di terra che sono cominciati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siria: uccisioni, stupri e torture. Su FQMillenniuM in edicola, i racconti da Kobane dei profughi di Afrin vittime dell’attacco turco

prev
Articolo Successivo

Elezioni Polonia, i sovranisti di Kaczynski verso la vittoria ma senza maggioranza. Opposizione divisa

next