“Il mio pensiero corre a quel ragazzino di 14 anni che veniva dal Mali, che aveva attraversato il deserto ed è annegato in un naufragio nel Mediterraneo. Quando hanno recuperato il corpo hanno ritrovato la sua pagella cucita nella sua tasca. La pagella la proteggeva come la sua carta d’identità e la sua speranza, la scuola, è una speranza sempre e ovunque”. È stato questo uno dei passaggi più sentiti e applauditi del discorso del presidente della Repubblica Sergio Mattarella a L’Aquila per l’inaugurazione dell’anno scolastico. La scuola, ha rimarcato il capo dello Stato, “rappresenta una finestra di opportunità per il futuro di ciascun giovane: compito della Repubblica e garantirla costantemente”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mattarella a L’Aquila per avvio anno scolastico: “Garantire sicurezza degli edifici. Mobilità sociale ferma, scuola può aiutare”

next
Articolo Successivo

Nola, tre minuti di ritardo per il traffico: la preside lascia fuori dalla scuola un centinaio di studenti

next