“Anche in ricordo degli studenti morti nel terremoto dell’Aquila di dieci anni fa avvertiamo forte la responsabilità di assicurare una scuola di alto livello formativo. Agli studenti e agli insegnanti va garantita ovunque la massima cura per la sicurezza degli edifici“. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo all’Aquila alla cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico “Tutti a Scuola” nel decennale del sisma presso la sede provvisoria dell’istituto comprensivo “Mariele Ventre”.

“Questa scuola è un simbolo non ha mai smesso di funzionare, neppure nei giorni più drammatici e oggi rappresenta un desiderio di uscire dalla provvisorietà e ricostruire il senso di comunità. Le pubbliche istituzioni sono tenute a sostenere la ricostruzione e devono rispettare gli impegni presi anche con le altre comunità colpite dal sisma negli anni recenti” ha proseguito il Capo dello Stato tra gli applausi degli studenti. ” ”La mobilità sociale oggi si è arenata: la scuola può farla ripartire, arrecando giustizia e sviluppo”.

All’evento sono intervenuti circa mille studenti in rappresentanza di 350 istituti di tutta Italia. Nel corso della sua visita, Mattarella ha deposto un fiore presso la “Pietra del Ricordo”, inaugurata nello scorso aprile, in occasione del decennale del sisma, in memoria degli studenti vittime del sisma del 2009. “Una società aggressiva, attraversata dal risentimento, orientata a esaltare l’interesse individuale a discapito della comunità rischia di accentuare le fratture tra insegnanti e genitori. A farne le spese sono i ragazzi, quando i loro genitori, per prenderne in qualunque caso le parti, arrivano a screditare o a insolentire gli insegnanti. La nostra società ha bisogno di ascolto, di dialogo, di rispetto degli altri, di maggiore fiducia. E la fiducia comincia dalla scuola”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scampia, 13enne escluso dalla scuola per le treccine blu: le taglierà per tornare in aula. Il sottosegretario: “Intervenga il provveditore”

prev
Articolo Successivo

Mattarella a L’Aquila ricorda il giovane migrante del Mali annegato con la pagella cucita in tasca: “Scuola è speranza sempre e ovunque”

next