Per quasi 40 anni la stagione sciistica estiva, sul ghiacciaio del Presena, si estendeva per tutti i mesi più caldi, agosto compreso. Poi, a partire dai primi anni del Duemila, è stato deciso di interromperla anzitempo: prima a metà luglio, poi, a partire dal 2008, a inizio o a metà giugno (a seconda delle condizioni meteorologiche). Da quell’anno, infatti, la pista principale del ghiacciaio viene coperta con teli termici al fine di conservare uno strato di neve fino a settembre. Nel video, il lavoro degli operai che rimuovono i teli. Come si vede, al di fuori dei teli il manto nevoso non resiste alle alte temperature.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, alla Mostra del Cinema attivisti contro il riscaldamento globale occupano il red carpet. Azione di disturbo contro nave da crociera

prev
Articolo Successivo

Mantova, frutticoltura a rischio: “Cimice asiatica come la Xylella. Distrutte intere coltivazioni. Danni per 9,5 milioni di euro”

next