Per quasi 40 anni la stagione sciistica estiva, sul ghiacciaio del Presena, si estendeva per tutti i mesi più caldi, agosto compreso. Poi, a partire dai primi anni del Duemila, è stato deciso di interromperla anzitempo: prima a metà luglio, poi, a partire dal 2008, a inizio o a metà giugno (a seconda delle condizioni meteorologiche). Da quell’anno, infatti, la pista principale del ghiacciaio viene coperta con teli termici al fine di conservare uno strato di neve fino a settembre. Nel video, il lavoro degli operai che rimuovono i teli. Come si vede, al di fuori dei teli il manto nevoso non resiste alle alte temperature.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, alla Mostra del Cinema attivisti contro il riscaldamento globale occupano il red carpet. Azione di disturbo contro nave da crociera

next
Articolo Successivo

Mantova, frutticoltura a rischio: “Cimice asiatica come la Xylella. Distrutte intere coltivazioni. Danni per 9,5 milioni di euro”

next