Il libro Cosa Nostra spiegata ai ragazzi è stato presentato in anteprima internazionale alla XVIII edizione del Festival del Libro Possibile di Polignano a Mare (Bari). Salvatore Borsellino ha ricordato il fratello Paolo parlando dei motivi che lo hanno spinto, prendendo il testimone da suo fratello, ad incontrare i ragazzi delle scuole.

Nel 1989 Paolo Borsellino parlò di mafia in un liceo del Nord Italia, a Bassano del Grappa. Quella lezione, grazie a Paper First, è diventata un libro arricchito da documenti storici e dalla prefazione del fratello Salvatore. In uno dei passaggi in aula, quel giorno, il giudice parlò anche del ruolo e dei limiti della magistratura come possibile freno agli stretti legami tra mafia e politica. Una lezione, letta 30 dopo, quanto mai attuale.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cosa Nostra spiegata ai ragazzi, Salvatore Borsellino: “Non è normale andare in guerra e morire per fuoco amico”

next
Articolo Successivo

Strage via D’Amelio, Nicola Morra: “Il 19 luglio 2019 tutti i documenti verranno desecretati. Iter già avviato”

next