Nel 1989 Paolo Borsellino parlò di mafia in un liceo del Nord Italia, a Bassano del Grappa. Quella lezione, grazie a Paper First, è diventata un libro arricchito da documenti storici e dalla prefazione del fratello Salvatore. In uno dei passaggi in aula, quel giorno, il giudice parlò anche del ruolo e dei limiti della magistratura come possibile freno agli stretti legami tra mafia e politica. Una lezione, letta 30 dopo, quanto mai attuale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, blitz contro il clan Brancaccio: 25 arresti. “Affari con droga, estorsioni, azzardo e case di riposo”

next
Articolo Successivo

Antimafia, via il segreto dagli archivi della commissione dal 1962: si comincia con le audizioni di Paolo Borsellino

next