Omicidio colposo contro ignoti. Con questa accusa la Procura di Roma sta indagando sulla morte di Francesco Ginese, il giovane di 26 anni deceduto sabato dopo aver provato a scavalcare il muro dell’università della Sapienza per andare a una festa abusiva. Il ragazzo, nella scalata, si era reciso l’arteria femorale. Inutili il ricovero e l’operazione di urgenza al Policlinico Umberto I. Il pubblico ministero Stefano Rocco Fava, titolare dell’indagine, ha ricevuto i risultati delle prime indagini della polizia e ha disposto l’autopsia sul corpo del giovane.

Il party  “Disco-Sapienza” che il 26enne stava stata cercando di raggiungere era organizzato dai collettivi universitari e non era stato autorizzato dal rettore dell’ateneo. Secondo la ricostruzione, il giovane per evitare i controlli ha tentato di scavalcare un muro di cinta, in viale dell’Università, di fronte al civico 30. La festa non si è fermata neanche all’arrivo dell’ambulanza, quando Francesco era già in gravissime condizioni. Per salvarlo era subito scattata una gara di solidarietà sui social per la raccolta di sangue, ma è stato tutto inutile. Sul posto, spiegano gli inquirenti, c’erano anche agenti in borghese a monitorare gli ingressi.

“Perché il Rettore della Sapienza tollera l’illegalità e non fa nulla?”. Ha commentato così la vicenda il ministro degli Interno Matteo Salvini, affermando poi che “la responsabilità di questa morte è anche di chi permette queste illegalità da troppo tempo, tra occupazioni di aule e feste non autorizzate con uso e abuso di alcolici e altre sostanze”. Il ministro ha dichiarato che “ora che ci è scappato il morto il rettore è chiamato a risponderne”, assicurando che chiederà al ministro della Giustizia Alfonso Bonafede “quante denunce ed esposti sono fermi in procura e su quali scrivanie”. “Mi aspetto che vengano ripristinate legalità e diritto allo studio per tutti”, conclude Salvini, “con la liberazione di ogni spazio occupato abusivamente e la sospensione di ogni attività illecita. La pacchia deve finire per rispetto delle migliaia di studenti e professori che vanno in Università per imparare e lavorare, non per fare casino”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea Watch, ricorso a Strasburgo: ‘Italia consenta sbarco’. Ue: ‘Stati siano solidali’ Salvini: ‘Ci pensino Olanda e Germania’

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, chiesti 5 milioni di danni alla diocesi di Savona. “L’omissività dei vescovi ha permesso gli abusi su minori”

next