Prima ha minacciato i passanti con una pistola in mano, poi si è barricato in un bar minacciando di fare una strage. Due poliziotti, però, lo hanno fermato sparandogli due colpi e ferendolo a una spalla e a una gamba. È successo a Caserta, nel rione Tescione, è il protagonista è il 41enne Gianfranco Lamonica, che si spacciava per ex militare. L’uomo ha seminato il panico nella zona con una pistola che si è poi rivelata essere ad aria compressa. Due agenti gli hanno intimato per tre volte di gettare l’arma e arrendersi, ma quando l’aggressore l’ha puntata nella loro direzione, sono stati costretti ad aprire il fuoco. Lamonica è stato traportato in ospedale in codice rosso, dove è stato arrestato. In casa sua sono state sequestrate quattro pistole e quattro fucili ad aria compressa.

Video Youtube

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il caso della lettera pro migranti prima boicottata e poi ignorata. La Chiesa vota Lega?

next
Articolo Successivo

Prato, denunciati per i fischi al prefetto. La procura chiede l’archiviazione per i militanti dell’Anpi: “Legittimo dissenso”

next