Prima ha minacciato i passanti con una pistola in mano, poi si è barricato in un bar minacciando di fare una strage. Due poliziotti, però, lo hanno fermato sparandogli due colpi e ferendolo a una spalla e a una gamba. È successo a Caserta, nel rione Tescione, è il protagonista è il 41enne Gianfranco Lamonica, che si spacciava per ex militare. L’uomo ha seminato il panico nella zona con una pistola che si è poi rivelata essere ad aria compressa. Due agenti gli hanno intimato per tre volte di gettare l’arma e arrendersi, ma quando l’aggressore l’ha puntata nella loro direzione, sono stati costretti ad aprire il fuoco. Lamonica è stato traportato in ospedale in codice rosso, dove è stato arrestato. In casa sua sono state sequestrate quattro pistole e quattro fucili ad aria compressa.

Video Youtube

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il caso della lettera pro migranti prima boicottata e poi ignorata. La Chiesa vota Lega?

prev
Articolo Successivo

Prato, denunciati per i fischi al prefetto. La procura chiede l’archiviazione per i militanti dell’Anpi: “Legittimo dissenso”

next