Il futuro del governo, quello del Movimento 5 Stelle e anche il suo personale. Alessandro Di Battista, ospite a Otto in Mezzo su La7, parla di tutto. E offre due notizie non di poco conto per gli equilibri del M5s: deroga alla legge dei due mandati in caso di caduta del governo e sua candidatura certa in caso di elezioni anticipate. Concetti chiari: “Se il governo dovesse cadere, da qui al 15 luglio, chiederei di non considerare questa legislatura” nel computo del limite dei due mandati previsto dalle regole M5S. Una eventualità che porterebbe la gran parte dei parlamentari grillini a potersi ricandidare. Stesso discorso per Luigi Di Maio. “Si, io lo chiederei” ha detto Di Battista, che poi alla domanda su una sua possibile candidatura ha risposto nettamente: “Sì, assolutamente si, al 100 per cento“.

Ciò non significa, almeno secondo quanto detto da Di Battista, che lui augura la fine dell’esecutivo gialloverde. Anzi: “Mi auguro da cittadino che il governo non cada, se Salvini vuole far cadere il governo per ragioni elettorali sono affari suoi” ha spiegato uno dei leader del Movimento 5 Stelle, che poi ha detto la sua sulla strategia politica del leader leghista, una strategia che “sta pagando nel breve termine“. “Salvini non è un fascista, è diventato conformista – ha aggiunto – Prima di ‘prima gli italiani’ ha scelto Radio radicale…”.

Una lunga parte dell’intervista di Lilli Gruber è stata dedicata a Politicamente scorretto, il suo libro pubblicato da Paper First: “Chi ha letto questo libro, sa che è un atto di amore nei confronti del Movimento. È a sostegno del Movimento e di Luigi” ha spiegato Di Battista, che poi ha sottolineato come tra lui e il vicepremier ci sia un buon rapporto. “Nel mio libro – ha detto ancora l’esponente grillino – scrivo di quando ho mandato un sms a Salvini scrivendogli: ‘Molla Berlusconi, mollalo sul serio non solo il partito ma i costumi e gli usi del berlusconismo“.

Chi Di Battista non mollerà è invece la sindaca di Roma Virginia Raggi: “La sosterrò sempre, mi auguro che questi ultimi due anni siano migliori” ha auspicato, aggiungendo che lui sosterrà il primo cittadino “ancora con più forza. Ha raggiunto alcuni risultati importanti, mi auguro che trovi soluzioni ad altri. È andata avanti – è il parere di Di Battista – contro tutto e tutti, contro il sistema mediatico, i Casamonica, ha asfaltato strade e demolito villette abusive. Glielo riconoscerò sempre a questa donna coraggiosa“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Conte prepara la risposta a Bruxelles: “In Consiglio dei ministri già una bozza di assestamento di bilancio”

prev
Articolo Successivo

Forza Italia, Berlusconi nomina Carfagna e Toti nuovi coordinatori. Che dice: “La rivoluzione si fa con i contenuti”

next