Dopo l’arresto degli Arata,  l’ex sottosegretario alle infrastrutture e attuale senatore della Lega, Armando Siri, preferisce non rispondere alle domande dei cronisti ed entra a palazzo Madama. Scena simile per il viceministro dell’Economia, Massimo Garavaglia, che lasciando il vertice economico, si trincera dietro il silenzio davanti ai cronisti che riescono ad intercettarlo. Domani è attesa la sentenza di primo grado. Luigi Di Maio è stato netto nel chiedere le dimissioni in caso di condanna.

“Cosa farà Garavaglia lo deciderà lui” afferma Edoardo Rixi, ex viceministro dei Trasporti, costretto a lasciare il posto di governo, proprio in virtù di una condanna.”C’è un contratto di governo, ognuno sa cosa deve fare – continua Rixi – se con condannato e costretto a dimettersi, questo sarebbe un danno per l’Italia, perchè Garavaglia sta facendo un grande lavoro – è l’opinione del deputato della Lega – però se le regole sono queste”. Matteo Salvini, dopo aver partecipato al question time a Montecitorio, sulla sentenza che pesa sulla testa di Garavaglia: “Non commento i se“. Il trattamento sarà lo stesso di Rixi? “Io commento la vita reale”. Poi su Paolo Arata, oggi arrestato, Salvini afferma: “Avete deciso voi giornalisti che è un mio consulente, partecipò a un solo evento della Lega. Chi me lo presentò? Non mi ricordo”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Minibot, il deputato di FdI a Tria: “Quando li userete?”. Il ministro: “Sono dannosi, illegali e creano debito”

prev
Articolo Successivo

Governo, Conte: ‘Ottimista sulla manovra, ridurremo debito con entrate non stimate Non vogliamo prove muscolari con l’Ue’

next