Paolo Arata, ex consulente della Lega per l’energia ed ex deputato di Fi, e il figlio Francesco sono stati arrestati con le accuse di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni su richiesta della Dda guidata da Francesco Lo Voi. Per gli inquirenti, i due sono soci occulti dell’imprenditore trapanese dell’eolico Vito Nicastri, ritenuto dai magistrati tra i finanziatori della latitanza del boss Matteo Messina Denaro. Gli Arata sono indagati da mesi per un giro di mazzette alla Regione siciliana – dagli 11mila ai 115mila euro l’una – che coinvolge anche Nicastri, tornato in cella già ad aprile perché dai domiciliari continuava a fare affari illegali. Le tangenti avrebbero favorito Nicastri e il suo socio occulto nell’ottenimento di autorizzazioni per i suoi affari nell’eolico e nel bio-metano. La Procura ha disposto anche il sequestro di otto società che operano nel campo delle energie rinnovabili.

Il caso Siri – Una tranche dell’inchiesta nei mesi scorsi è finita a Roma perché stando ad alcune intercettazioni gli Arata avrebbero pagato una mazzetta da 30mila euro all’ex sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri. Che in cambio avrebbe presentato un emendamento, poi mai approvato, sugli incentivi connessi al mini-eolico, settore in cui l’ex consulente del Carroccio aveva investito.

I funzionari sotto inchiesta – Oltre che nei confronti dei due Arata il gip di Palermo Guglielmo Nicastro ha disposto l’arresto per Nicastri, la cui la misura è stata notificata in carcere in quanto già detenuto, e per il figlio Manlio, indagati pure loro per corruzione, auto riciclaggio e intestazione fittizia. A Nicastri, di cui la Procura ha recentemente chiesto la condanna a 12 anni per concorso in associazione mafiosa, il gip non ha dato l’aggravante dell’aver favorito Cosa nostra che, invece, gli era stata contestata dai pm. Nella misura cautelare però il gip lancia l’allarme “sull’elevato rischio di infiltrazioni di Cosa nostra” negli affari degli Arata e dei Nicastri. Ai domiciliari è finito poi l’ex funzionario regionale dell’Assessorato all’Energia Alberto Tinnirello, accusato di corruzione. Gli altri indagati nell’ambito dell’operazione della Dia di Palermo sono Giacomo Causarano, Francesco Isca e Angelo Giuseppe Mistretta. Invece il presidente della Commissione Via (Valutazione d’impatto Ambientale) dell’assessorato Territorio e Ambiente Alberto Fonte risponde di abuso d’ufficio. La Dia sta effettuando perquisizioni all’assessorato. “Quanto gli abbiamo dato a Tinnarelli? (Tinnirello ndr)”, diceva Arata non sapendo di essere intercettato. L’ex consulente del Carroccio definiva poi Causarano “un corrotto“.

I rapporti con la politica – Poi ci sono i rapporti con la politica. “Dalle attività di indagine — scrive la procura — è emerso che Arata ha trovato interlocutori all’interno dell’assessorato all’Energia, tra tutti l’assessore Pierobon, grazie all’intervento di Gianfranco Miccichè, a sua volta contattato da Alberto Dell’Utri”. Quindi il presidente dell’Assemblea regionale siciliana avrebbe fatto da tramite, dopo l’intercessione del fratello gemello di Marcello Dell’Utri. Rapporti che Arata ha probabilmente ereditato dalla sua militanza in Forza Italia. “Quando l’epicentro della fase amministrativa diveniva l’assessorato al Territorio e Ambiente – continuano gli inquirenti – (per la verifica di assoggettabilità del progetto alla “Via”, valutazione di impatto ambientale), Arata è riuscito a interloquire direttamente con l’assessore Cordaro e, tramite questi, con gli uffici amministrativi di detto assessorato, dopo aver chiesto un’intercessione per tale fine a Calogero Mannino”. “Arata veniva in Regione per trovare complici e si trovava di fronte a fermi e inesorabili no. Voleva un impianto privato, noi invece abbiamo finanziato un impianto pubblico”, dice il governatore Nello Musumeci.

Di Maio: “Puzza di bruciato”. Di Battista: “Rubano a Fi non solo voti” – “Rispetto il lavoro della magistratura, non voglio entrare nel merito, certo in questo caso la puzza di bruciato si sentiva da lontano… Ogni volta che c’è un minimo sospetto su qualcosa, in cui emergono legami con la corruzione e la mafia, la politica deve saper subito prendere le distanze”, ha detto il vicepremier Luigi Di Maio. “Corruzione e mafia vanno combattute con durezza” ha invece commentato in un tweet il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra. “Ora in Regione Sicilia chi aveva dato concessioni per i due parchi eolici in questione con grande leggerezza dovrà fornire risposte!”. Alessandro Di Battista ha commentato la vicenda con un post su facebook in cui sottolinea il ruolo del partito al quale aveva aderito Arata: la Lega. “Un partito – scrive Di Battista – che non sta rubando a Forza Italia solo voti. Purtroppo gli sta rubando uomini e dinamiche. Arata, d’altro canto, prima di diventare (secondi i giudici) “socio occulto di Vito Nicastri, a sua volta legato al boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro” e prima di partecipare a convention leghiste sull’energia è stato deputato proprio di Forza Italia. D’altronde il berlusconismo proverà a sopravvivere allo stesso Berlusconi. Come? Diventando il tratto distintivo di altre forze politiche”. “Rispetto la magistratura, non ho elementi per commentare né a favore né contro. Vado avanti, ma ricordo a me stesso e a tutti che in Italia siamo presunti innocenti fino a prova contraria” ha poi detto il vicepremier Matteo Salvini intervistato al Tg2.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Frosinone, gestivano lo spaccio di droga nell’alta Ciociaria: 10 persone arrestate e 29 perquisizioni

prev
Articolo Successivo

Alessandro Proto, il finanziere arrestato per truffa: “Sottratti 130mila euro a malata di cancro promettendole cure”

next