Come già detto, la cannabis depotenziata ha al suo interno bassissime percentuali di Thc, la sostanza che produce l’effetto psicotropo, con effetti come sensazione di euforia, aumento dell’appetito, prostrazione, rilassamento, percezioni uditive alterate e disorientamento nello spazio e nel tempo, che possono durare anche ore. Azzerato, o quasi, questo principio, resta invece uno degli altri elementi principali della marijuana, il Cbd (cannabidiolo) che non ha effetti stupefacenti, ma serve ad evitare gli effetti collaterali e prolunga gli effetti analgesici del Thc. Le percentuali di Cbd contenute nella cannabis light possono variare, ma in generale non devono superare il 4%. Gli effetti si discostano molto da quelli del classico spinello, e più che altro sono benefici per l’organismo. Secondo gli esperti, infatti, la cannabis light ha effetti miorilassanti, antiepilettici, antinfiammatori e antiossidanti. Resta, in parte, la sensazione di tranquillità dovuta alle percentuali residue di Thc.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Caso Palamara, Spina si dimette dal Csm. Che chiede le carte dell’inchiesta a Perugia: plenum straordinario il 4 giugno

next
Articolo Successivo

Il notaio di Siri, l’Antitrust e la surreale guerra di cartello dei professionisti – Replica

next