Once upon a time… ai festival. Quentin Tarantino deve tutto ai festival di cinema. E lo sa. Tanto che li frequenta assiduamente. Anzi frequenta assiduamente Cannes. Che a sua volta lo ha realmente lanciato in orbita planetaria con una Palma d’Oro, come non era riuscita a fare nemmeno con il Lynch di Cuore selvaggio e Barton Fink dei Coen. L’unica vera, autentica palma che è servita a far conoscere a livello mondiale “popolare” un cineasta/autore che poi ha come fondato una sorta di genere a sé: il film alla Tarantino.

Cannes, è il giorno di Quentin Tarantino. Da Pulp Fiction a Once upon a time: è il regista dei festival

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannes, in scena “Once Upon a Time…” di Tarantino. Poderoso omaggio al cinema dei generi di Hollywood

next
Articolo Successivo

Festival di Cannes, Brad Pitt e Leonardo DiCaprio: “È stata la nostra prima volta insieme, vogliamo farlo ancora”

next