Conti correnti, un’auto, contanti, gioielli, anche una cappella funeraria. E’ di oltre un milione e mezzo di euro il valore di un maxi-sequestro di beni alla famiglia Casamonica eseguito dai carabinieri del nucleo investigativo di Frascati. I militari dell’Arma hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo firmato dal gip di Roma su richiesta della Direzione distrettuale antimafia. Molti dei valori messi sotto sigilli dai carabinieri erano stati trovati nella disponibilità degli indagati durante le perquisizioni del 15 aprile quando erano stati arrestati 23 membri del clan.

Fra i beni sequestrati anche una cappella funeraria gentilizia costruita nel cimitero di Ciampino e riconducibile ad alcuni appartenenti della famiglia. Eseguiti anche altri due arresti per intestazione fittizia di beni e in un caso con l’aggravante del metodo mafioso. La sindaca di Roma Virginia Raggi ha ringraziato carabinieri e Dda “per questa operazione con cui si dà un ulteriore duro colpo al clan”, aggiungendo gli hashtag #NonAbbassiamoLoSguardo e #FuoriLaMafiaDaRoma.

Proprio oggi ilfattoquotidiano.it ha raccontato come i Casamonica – dopo i sequestri e gli abbattimenti di questi mesi – abbiano cominciato a demolire per conto proprio alcuni dei loro edifici abusivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, le mani della Camorra nella demolizione: interdittiva antimafia a un’azienda coinvolta nei sub-appalti

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, il pentito di Aemilia: “La cosca usò fondi umanitari con l’aiuto di un faccendiere e senatrice centrodestra”

next