Come conseguenza dell’uscita del Regno Unito, il numero dei deputati del Parlamento europeo eletti nel 2019 sarebbe dovuto passare da 751 a 705. Sarebbero stati eliminati quindi 46 dei 73 seggi destinati ai rappresentanti britannici, mentre gli altri 27 sarebbero stati distribuiti tra 14 Paesi, inclusa l’Italia che avrebbe guadagnato tre seggi, passando da 73 a 76 rappresentanti.
Ma l’11 aprile il Consiglio europeo ha concesso a Londra una nuova proroga, fino al 31 ottobre. La data fatidica a questo punto è il 22 maggio: se entro questo termine verrà ratificato un accordo di separazione, non si voterà in Uk. Altrimenti, i sudditi di sua maestà saranno comunque chiamati alle urne. Nel caso in cui il Regno fosse ancora uno Stato membro dell’Ue al 2 luglio, il giorno della prima plenaria a Strasburgo, l’attuale composizione di 751 deputati resterebbe invariata fino all’uscita definitiva del Regno Unito dall’Unione.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conflitto d’interessi, Fattori (M5s): “Valga anche per Davide Casaleggio, è il fondatore del nuovo movimento con Di Maio”

next
Articolo Successivo

I tedeschi scherzano sul neoliberismo e ci superano pure nella satira

next