Il pozzo di San Pantaleo di Pistoia, da cui viene presa l’acqua destinata alla potabilizzazione si trova in mezzo a un vivaio. A primavera, i trattamenti con il glifosato, l’erbicida più usato al mondo, sono visibili. “Dove c’è il colore giallo c’è stato dato il glifosato, alle mie spalle c’è il pozzo dell’acquedotto, si tratta di acqua destinata alla potabilizzazione”, spiega Rosanna Crocini, presidente del Comitato Acqua Bene Comune, “non vengono considerate le distanze di rispetto”. L’uso di 29 pesticidi- tra cui il glifosato, il clorpirifos e cinque altri vietati dall’Unione Europea- nelle aree di captazioni di acque sotterranee destinate al consumo umano è stato autorizzato dalla delibera 43/R pubblicata il 30 luglio. Anche la provincia di Bolzano con la delibera 142 del 12 marzo scorso ha autorizzato l’uso di alcuni pesticidi nelle aree di tutela delle acque potabili.

In Toscana, l’Agenzia Regionale per la protezione ambientale della Toscana (ARPAT) denuncia il ritrovamento 49 sostanze nelle acque sotterranee, tra cui glifosato e AMPA. “Il glifosato è classificato come cancerogeno probabile, in particolare per i linfomi e per i tumori del sangue”, spiega Patrizia Gentilini, oncologa dell’associazione Medici Per L’Ambiente e residente nella zona, “inoltre agisce come interferente endocrino”. Recenti studi indipendenti dell’Istituto Ramazzini ne sottolineano la pericolosità per il sistema riproduttivo anche con dosi considerate sicure.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pappa reale, tutti la consigliano ma è davvero un prodotto miracoloso?

prev
Articolo Successivo

Sblocca cantieri, la denuncia degli ambientalisti: “Si rischia di rendere meno trasparente il settore dei lavori pubblici”

next