Grazie alle comunicazioni fornite da medici, farmacie, strutture sanitarie ma anche ottici e psicologi, nel 730 precompilato sarà possibile vedere, senza bisogno di comunicarle, ma con la possibilità poi di integrarle, anche tutte le spese sanitarie che beneficiano di una detrazione fiscale del 19%. Tra queste anche quelle per gli animali da compagnia tempestivamente trasmesse dai veterinari o dalle stesse parafarmacie. Il panorama delle agevolazioni è ampio. Sempre detraibili i farmaci, anche quelli acquistati online, purché il venditore sia una farmacia autorizzata dal ministero della Salute. Si potranno “scaricare” dalle tasse anche tutte le visite mediche specialistiche, diverse dall’assistenza fornita dal medico di base, ma anche, ad esempio, le sedute di analisi fatturate da psicologi abilitati. Possibile detrarre, sempre al 19%, anche le polizze vita, purché sia coperto il rischio morte, e quelle sugli infortuni. La spesa ammessa per le assicurazioni vita è di 530 euro, 1.291,14 euro invece per quelle contro il rischio di non autosufficienza. Detrazione del 19% anche per le spese di ricovero e per quelle dedicate al trasporto in ambulanza di soggetti disabili. “Sconti” sulle tasse anche per lo stipendio delle badanti, ma solo nei casi di non autosufficienza accertata e solo su un massimo di 2100 euro di spesa l’anno. Inserite automaticamente, ma sempre con la possibilità di modificarle in seguito, le spese per gli animali domestici, anche queste detraibili al 19%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accise, Salvini prometteva di “toglierle”: sono solo stati evitati nuovi aumenti. Dalle origini al loro valore oggi – SCHEDE

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, ecco le prime card. Guida a quel che si può (e non si può) acquistare con le “prepagate”

next