Novecentocinquanta milioni di dati raccolti, circa il 3,8% in più rispetto a quelli del 2018. Sono i numeri nuova dichiarazione dei redditi precompilata, disponibile online sul sito dedicato dell’Agenzia delle Entrate dal pomeriggio di lunedì 15 aprile. Oltre alle informazioni già raccolte lo scorso anno, il modello si arricchisce di nuovi “ingressi” come le spese sulle parti comuni condominiali, che danno diritto al bonus verde, e le somme versate a partire dal 1° gennaio 2018 per le assicurazioni contro le calamità stipulate sugli immobili a uso abitativo. I dati sulle spese sanitarie trasmessi da farmacie, studi medici, cliniche e ospedali fanno, ancora una volta, la parte del leone. Secondo quanto comunicato dalla stessa Agenzia le informazioni comunicate a riguardo sono più di 750 milioni, pari circa al 74%.

Il procedimento rimane lo stesso dell’anno passato: si potrà accettare il 730 precompilato (o il modello Redditi dal 10 maggio) così com’è, oppure modificarlo, e poi inviarlo, a partire dal 2 maggio e fino al 23 luglio. Per la modifica sarà disponibile, a partire dal 10 maggio, anche una compilazione assistita, da svolgere quindi in autonomia. Sarà compito del sistema ricalcolare in automatico gli oneri detraibili e deducibili. Resta valida la possibilità di rivolgersi al Caf o al professionista abilitato per una compilazione “classica”. In questo caso saranno loro stessi responsabili di quanto dichiarato e sarà quindi necessario fornir loro le carte e i documenti per il visto di conformità (fatture e scontrini a giustificazione delle spese dichiarate. Se invece si deciderà di procedere autonomamente bisognerà conservare tutta la documentazione, prodotta per chiedere detrazioni o deduzioni, almeno per cinque anni. Dalle spese per la salute a quelle per asili nido e università fino al cosiddetto “bonus verde”, nel modello precompilato per la dichiarazione dei redditi compaiono svariate voci. Vediamo quali sono le principali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Accise, Salvini prometteva di “toglierle”: sono solo stati evitati nuovi aumenti. Dalle origini al loro valore oggi – SCHEDE

next
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza, ecco le prime card. Guida a quel che si può (e non si può) acquistare con le “prepagate”

next