Ignazio Marino non ha commesso i reati di peculato e falso nella vicenda degli scontrini che aveva portato alla sua caduta nell’ottobre 2015. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, che ha annullato senza rinvio la condanna a due anni di reclusione comminata in appello all’ex sindaco di Roma, difeso dall’avvocato Enzo Musco, “perché il fatto non sussiste“. Marino, che in primo grado era stato assolto, era accusato di peculato e falso. Prendendo spunto dalla vicenda il Partito Democratico guidato dall’allora premier Matteo Renzi aveva fatto cadere il primo cittadino: 26 consiglieri dem si erano recati nello studio del notaio Claudio Togna e avevano depositato le proprie dimissioni dall’Assemblea capitolina decretando la decadenza di giunta e consiglio.

La sentenza di appello va annullata senza rinvio e Marino va assolto “perché il fatto non sussiste”, era stata la richiesta avanzata in mattinata dal pg della Cassazione Mariella De Masellis davanti alla VI sezione nell’udienza in cui si è discusso del ricorso presentato dall’ex primo cittadino di Roma dopo la condanna in secondo grado. Oggetto del procedimento per peculato e falso erano una cinquantina di cene pagate attraverso l’utilizzo della carta di credito che gli era stata rilasciata durante il suo mandato dall’amministrazione capitolina. Anche nel secondo grado di giudizio era stata confermata, invece, l’assoluzione per l’accusa di truffa per le consulenze della Onlus Imagine.

“Hanno vinto la verità e la giustizia – ha commentato Marino – Era ora. La sentenza della Cassazione non rimedia ai gravi fatti del 2015, alla cacciata di un sindaco democraticamente eletto e di un’intera giunta impegnati senza fare compromessi per portare la legalità e il cambiamento nella Capitale d’Italia. Una ferita per la democrazia che non si rimargina“. “Per le valutazioni politiche e le responsabilità individuali ci sarà tempo, domani – ha proseguito l’ex sindaco – Oggi è il tempo delle considerazioni personali. E non posso che ripetere a testa alta, come ho sempre fatto, ciò che ho sostenuto dal primo giorno in cui mi sono state rivolte accuse infondate e infamanti: non ho mai utilizzato denaro pubblico per finalità private. E’ piuttosto vero il contrario. E finalmente oggi è chiaro e tutti, anche a coloro che mi hanno infangato provocando dolore e imbarazzo a me e alla mia famiglia”, aggiunge.

Giustizia è stata fatta – esulta il difensore di Marino, il professor Enzo Musco – Sono contento che il pg abbia integralmente sposato la nostra tesi difensiva e abbia ricordato a noi tutti l’autonomia della valutazione giuridica, il che vuol dire che il giustizialismo politico deve rimanere fuori dalle aule dei tribunali”. “Gli accusatori politici e materiali di questo processo, rappresentanti dell’attuale amministrazione comunale erano gravemente in malafede. A tal proposito invito a rivedere quel video di De Vito (Marcello, vicesindaco arrestato il 20 marzo con l’accusa di corruzione nella vicenda dello stadio della Roma, ndr) pubblicato il due ottobre 2015 dove si evincono le modalità con le quali si volevano acquisire i documenti contabili della Giunta Marino. Finalmente oggi è stato restituito l’onore che merita al professor Marino”, conclude Musco.

Sulla vicenda degli scontrini il 7 ottobre 2015 gli allora consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle Virginia Raggi, Marcello De Vito, Daniele Frongia ed Enrico Stefano avevano presentato un esposto in cui segnalavano “le diverse anomalie che a loro avviso, connotavano quattro episodi di spesa”, tre dei quali riguardanti cene e il quarto relativo a un viaggio a Filadelfia. “Marino fu attaccato e criticato non per le questioni della Panda o degli scontrini, ma per la sua incapacità di amministrare Roma – commenta ora Paolo Ferrara, capogruppo M5S in Campidoglio – Marino aveva fallito ed eravamo tutti d’accordo che doveva andare a casa, da Renzi in poi”.

Il primo esponente del Pd a far sentire la propria voce è stato Matteo Orfini: “Ribadiamo, come abbiamo già fatto quando sono uscite le sentenze di primo e secondo grado, che ovviamente siamo contenti per lui – ha detto l’ex presidente dem, principale fautore della cacciata del sindaco nell’ottobre di 4 anni fa insieme a Renzi – ma come spiegammo allora quella degli scontrini è stata una vicenda che nulla aveva a che fare con una scelta che facemmo per un giudizio politico“.

Le accuse – La vicenda giudiziaria riguardava 56 cene effettuate nei 28 mesi svolti da sindaco della Capitale per un totale di 12mila e 700 euro. Tutti appuntamenti che Marino ha saldato utilizzando la carta di credito che gli era stata rilasciata dal Campidoglio. Nel capo di imputazione del processo di primo grado la Procura gli contestava di essersi, nel periodo 2013-2015, appropriato “ripetutamente della dotazione finanziaria dell’ente” utilizzando la carta di credito per “acquistare servizi di ristorazione nell’interesse suo, dei suoi congiunti e di altre persone non identificate”. Quando il caso deflagrò Marino decise di restituire alla casse comunali circa ventimila euro attraverso una donazione.