Secondo i dati storici dell’Agenzia delle Dogane, le accise sui carburanti sono rimaste le stesse del 2018. Per la verità non subiscono variazioni dal 2015, da quando cioè c’è stato l’ultimo scatto. L’aumento che doveva partire da gennaio 2019 secondo il decreto legge del 24 giugno 2014, poi convertito in legge l’11 agosto dello stesso anno, è stato “sterilizzato” dalla legge di Bilancio con il comma 6 dell’articolo 1 che ha abrogato l’articolo dedicato della precedente legge. L’aumento previsto nel 2014 avrebbe dovuto coprire le agevolazioni introdotte con l’Aiuto alla crescita economica (Ace).