Secondo i dati storici dell’Agenzia delle Dogane, le accise sui carburanti sono rimaste le stesse del 2018. Per la verità non subiscono variazioni dal 2015, da quando cioè c’è stato l’ultimo scatto. L’aumento che doveva partire da gennaio 2019 secondo il decreto legge del 24 giugno 2014, poi convertito in legge l’11 agosto dello stesso anno, è stato “sterilizzato” dalla legge di Bilancio con il comma 6 dell’articolo 1 che ha abrogato l’articolo dedicato della precedente legge. L’aumento previsto nel 2014 avrebbe dovuto coprire le agevolazioni introdotte con l’Aiuto alla crescita economica (Ace).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Class action, chiunque potrà fare azione collettiva contro le imprese. Adesioni anche via web. Ecco come funzionerà

next
Articolo Successivo

Dichiarazione dei redditi, online la precompilata: ci sono spese sanitarie e per la casa e rette scolastiche

next