Matteo Salvini aveva promesso di “farle scendere” abolendo le più vecchie, se non addirittura di toglierle del tutto. Eppure, almeno per il 2019, le accise sui carburanti continueranno a pesare sul costo di ogni rifornimento. Non aumenteranno, né diminuiranno. Semplicemente resteranno le stesse del 2018. Le paghiamo quasi senza accorgercene, ma in realtà rappresentano una percentuale importante del costo al litro di benzina e diesel: oltre il 40 per cento. Le ultime stime preliminari dell’Istat sull’inflazione a marzo rilevano un aumento dello 0,3% su febbraio e una sostanziale stabilità dei prezzi, a cui però fanno eccezione proprio i carburanti che registrano un aumento del prezzo rispetto a un anno fa del 2,7%.

Vediamo quindi nel dettaglio da dove vengono le accise e quanto pesano sul prezzo finale alla pompa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Class action, chiunque potrà fare azione collettiva contro le imprese. Adesioni anche via web. Ecco come funzionerà

next
Articolo Successivo

Dichiarazione dei redditi, online la precompilata: ci sono spese sanitarie e per la casa e rette scolastiche

next