Matteo Salvini aveva promesso di “farle scendere” abolendo le più vecchie, se non addirittura di toglierle del tutto. Eppure, almeno per il 2019, le accise sui carburanti continueranno a pesare sul costo di ogni rifornimento. Non aumenteranno, né diminuiranno. Semplicemente resteranno le stesse del 2018. Le paghiamo quasi senza accorgercene, ma in realtà rappresentano una percentuale importante del costo al litro di benzina e diesel: oltre il 40 per cento. Le ultime stime preliminari dell’Istat sull’inflazione a marzo rilevano un aumento dello 0,3% su febbraio e una sostanziale stabilità dei prezzi, a cui però fanno eccezione proprio i carburanti che registrano un aumento del prezzo rispetto a un anno fa del 2,7%.

Vediamo quindi nel dettaglio da dove vengono le accise e quanto pesano sul prezzo finale alla pompa.