L’origine delle accise sul carburante, introdotte per far fronte a una necessità urgente o a una spesa imprevista dello Stato, risale alla guerra di Abissinia del 1935. Da allora si sono succeduti una serie di interventi, dovuti alla guerra di Suez, del 1956, poi al disastro della diga del Vajont, del 1963, e poi ancora, all’alluvione di Firenze (1966), al terremoto del Belice (1969), al sisma del Friuli (1976) e a quello dell’Irpinia (1980). Aumenti di 10, 75 o 100 lire, come per l’evento sismico del ’76. Questi interventi sono poi stati tutti riunificati e introdotti nella fiscalità generale con il cosiddetto decreto Dini, del 1995, dal nome dell’allora presidente del Consiglio. Anche la legge di stabilità del 2013 ha reso strutturali altri interventi successivi, come l’aumento per finanziare il Fondo spettacolo, del 2011 o l’emergenza libica o ancora, nel 2012, l’introduzione di ulteriori 0,0024 euro/litro, per sostenere le spese del terremoto che colpì questa volta l’Emilia Romagna. L’ultimo aumento, secondo i dati del Sole 24 ore, è del 2015, sotto il governo Renzi, ed è come il precedente di 0,0024 euro al litro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Class action, chiunque potrà fare azione collettiva contro le imprese. Adesioni anche via web. Ecco come funzionerà

prev
Articolo Successivo

Dichiarazione dei redditi, online la precompilata: ci sono spese sanitarie e per la casa e rette scolastiche

next