“Sarà certamente complicato, ma possiamo farlo”. Lo aveva scritto il governatore della Puglia, Michele Emiliano, che a novembre 2018, in un post, ha annunciato: “Aboliamo la plastica monouso. Subito. La legge pugliese sull’economia circolare e sulla prevenzione dei rifiuti proverà a farlo”. E ora la Regione sarà la prima in Italia a vietare la plastica monouso in spiaggia, dai contenitori alle stoviglie, in anticipo di due anni rispetto alla direttiva comunitaria che la bandirà solo dal 2021. Ad annunciare la novità è stato l’assessore regionale al Bilancio con delega al demanio marittimo, Raffaele Piemontese, al termine di una riunione di confronto sull’ordinanza balneare 2019 con i rappresentanti dei sindacati dei balneari e delle associazioni ambientaliste.

STOP ALLA PLASTICA NEI LIDI PUGLIESI – “D’intesa con il presidente Emiliano – ha spiegato l’assessore – ho proposto ai rappresentanti degli stabilimenti balneari, che hanno condiviso all’unanimità, la decisione di dire stop, sin da questa stagione estiva, alla plastica sui nostri lidi, a favore invece di materiale compostabile e monouso”. La misura scatterà, dunque, già dall’estate 2019. “È un risultato prezioso per l’equilibrio futuro del nostro ambiente marino. La Puglia anche questa volta è all’avanguardia. Siamo la prima regione in Italia a rinunciare alla plastica per salvare la bellezza del nostro mare”, ha commentato Piemontese. Sottolineando: “È il nostro contributo per il Venerdì del Futuro” che continua a mobilitare i ragazzi in tutto il mondo “nella sfida contro il cambiamento climatico che sta ipotecando il futuro di tutti”. Si tratta indubbiamente di un’accelerazione dopo l’impegno della Cna Balneatori Puglia (200 gli operatori aderenti) che a febbraio scorso aveva annunciato l’utilizzo, dalla prossima stagione estiva, di buste di carta e la riduzione dell’utilizzo di plastica monouso, sostituita da contenitori e attrezzi in cellulosa biodegradabile (bicchieri, posate e piatti).

250MILA EURO PER LE ECOFESTE – La Regione punta inoltre sulle Ecofeste a basso impatto ambientale, per le quali mette a disposizione “una dotazione finanziaria di 250mila euro per i Comuni e gli organizzatori di eventi – ha dichiarato dall’assessore all’Ambiente della Regione Puglia, Gianni Stea – che, in occasione di sagre e altre manifestazioni pubbliche, si impegneranno a ridurre la produzione dei rifiuti e ad incrementare la raccolta differenziata”. Il contributo potrà essere concesso solo per eventi, sagre e feste patronali plastic free, per i quali “dovranno essere utilizzate solo stoviglie lavabili, compostabili o biodegrabili”.

STOP AI PALLONCINI IN CIELO – Ma la lotta alla plastica in Puglia non riguarda solo il mare. Se a fine 2018 il Comune di Maruggio, in provincia di Taranto, ha vietato il lancio in aria di palloncini, un’abitudine molto frequente durante manifestazioni e feste, a seguire questo esempio sono stati di recente anche le amministrazioni di Bitonto e Giovinazzo, entrambe in provincia di Bari. Un provvedimento preso non solo per evitare la dispersione di plastica nell’ambiente, ma anche per difendere gli animali. Resti di plastica, infatti, sono stati ingeriti sia da cani, come ha raccontato il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio, sia da tartarughe marine, come è accaduto a Maruggio.

LE PRIME RIVOLUZIONI NELLE SCUOLE – E se a gennaio 2019 l’associazione Marevivo, con la Fondazione Sorella Natura, ha organizzato una campagna rivolta a tutte le scuole d’Italia, invitando a dire basta alla plastica monouso, proprio la Puglia ha già dato diverse risposte. In primis nelle scuole comunali di Bari, in cui è attivo il servizio si refezione e dove, da gennaio 2019, sono stati introdotti bicchieri, posate e piatti biodegradabili. E poi nelle mense dei tre poli didattici di Galatina, Collemeto e Noha, in provincia di Lecce. Anche qui sono state bandite le stoviglie in plastica, grazie a un provvedimento adottato dal Turigest La Cascina, società che gestisce il servizio di refezione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Greenpeace in azione per il clima: “Basta con il governo del cambiamento climatico. Esecutivo protegga l’ambiente”

prev
Articolo Successivo

Giornata nazionale del Paesaggio, per tutti è una priorità. Ma alla fine dei conti nessuno fa niente

next